Audi Jaray – Il brutto anatroccolo

Home/Good Toys/Audi Jaray – Il brutto anatroccolo

Audi Jaray

Il brutto anatroccolo

In uno spot per la sua A5,
diffuso in Inghilterra nel 2012, Audi mostrava un bizzarro prototipo anni Trenta
del designer Paul Jaray,che esaltava l’aerodinamica. L’esperimento non piacque e non vide mai la luce. Eppure
era un progetto innovativo sotto più di un aspetto.

di Etienne Crébéssègues

Il prototipo originale non esisteva più. Ma Audi, nel 2012, non ci ha pensato due volte e ha realizzato un esemplare unico di questo controverso modello sperimentale, per usarlo in un suo spot destinato al mercato britannico. La campagna, curata dall’agenzia Bartle Bogle Hegarty (la stessa che nel 1972 inventò per Audi lo slogan Vorsprung durch Technik, tradotto in Italia “All’avanguardia della tecnica”), puntava sull’estetica a dir poco ostica di un prototipo del 1933 che, come il brutto anatroccolo della fiaba di Andersen, alla fine dello spot si trasformava in cigno, ossia in una bianca A5. Il prototipo perduto, infatti, era frutto di una ricerca aerodinamica in anticipo sui tempi, che ha poi dato molti frutti, e non solo in casa Audi.
Il padre di quella forma bizzarra era Paul Jaray (1889-1974), progettista di famosi dirigibili e pioniere dell’aerodinamica. Ungherese di nascita, Jaray studiò alla Maschinenbauschule di Vienna, insegnò al Politecnico di Praga e diventò poi ingegnere capo per il costruttore aeronautico Flugzeugbau. Più tardi fu assunto dalla Luftschiffbau Zeppelin con l’incarico di supervisore allo studio aerodinamico dei celebri dirigibili. Fu lui a progettare l’LZ-120 Bodensee, dirigibile di punta della prima compagnia di trasporto passeggeri, la Delag (Deutsche Luftschiffahrts-AG). L’LZ-127 Graf Zeppelin, l’LZ-129 Hindenburg e gli LZ-130 derivarono da quel primo modello concepito da
Jaray.”More”

2018-01-23T13:36:05+00:00 dicembre 6th, 2017|

About the Author: