Numero XIII – W. Vance, J. Van Hamme

Il mistero del tredicesimo uomo

Quando, oltre trent’anni fa, XIII ha invaso il nostro universo non esistevano né Jack Bauer né il sergente Brody. Da qui a immaginare che Van Hamme abbia inventato il moderno supereroe basta un attimo. Con il suo personaggio losco e senza memoria, lo sceneggiatore belga ha tirato fuori l’eroe del fumetto da quel mondo manicheo nel quale si trovava invischiato. The Good Life vi regala le prime 7 tavole della serie.

di Giancarlo di Perrone

Sceneggiatura di Jean Van Hamme – disegni di William Vance. © Copyright degli autori © Copyright Dargaud Benelux (Dargaud-Lombard S.A.) 2016. Versione in lingua italiana di editoriale Aurea Srl

Liberamente ispirato al thriller di Robert Ludlum Un nome senza volto, quindi a Jason Bourne, e all’assassinio di JFK, la serie immaginata dal prolifico sceneggiatore belga comincia nel 1984. Un uomo finisce su una spiaggia dell’Ovest americano, viene salvato da una coppia di anziani che hanno perso il loro unico figlio in guerra, viene curato da una donna medico alcolizzata e radiata dall’albo e si rende conto di non avere alcun ricordo. Comincia così una ricerca intensa, e sempre ai limiti della depressione, della sua identità, del suo passato. Le verità che scopre non saranno tutte entusiasmanti. In questo universo i personaggi sono corrotti, rancorosi nel più profondo dell’anima, senza scrupoli, giocano con il fuoco, uccidono e manipolano con la stessa naturalezza con cui respirano…

[read more=”More” less=”Less”]

Se talvolta si può essere infastiditi dalle eccessive strizzatine d’occhio a fatti realmente accaduti o a personaggi realmente esistiti (l’ammiraglio Carl Heinrich Heideger è ispirato a Henry Kissinger), l’intrigo, complesso, perverso e contorto, è sapientemente sviluppato. Anche le inverosimiglianze più grottesche, persino le più evidenti, hanno un senso nella narrazione. Jean Van Hamme, papà anche di Thorgal e di Largo Winch (quest’ultimo prima sotto forma di romanzi e poi di fumetti, grazie al disegnatore Philippe Francq), poi del nuovo ciclo di Blake e Mortimer, ha un incontestabile gusto per il capovolgimento delle situazioni. Senza perdere l’ispirazione riesce a far risollevare e uscire dall’impasse tutti i personaggi di questo fumetto corale. Ovvio, tutto ruota intorno ad Alan Smith / Steve Rowland / Ross Tanner / Jed Olsen / Jason Fly / John Fleming / Jason Mac Lane / Karl Meredith / Kelly Brian alias El Cascador… poco importa il nome, ma il maggiore Jones, il marchese di Préseau, Jessica Martin, Wally Sheridan, Ben Carrington o anche Betty Barnowsky hanno una tale forza che, senza mai oscurare il ruolo del personaggio che dà il titolo all’opera, non sono solo personaggi secondari. La serie si regge su di essi quanto sullo stesso XIII, al quale conferiscono tutta la profondità che lo caratterizza. Il tratto di William Vance, che unisce con brio lo schizzo un po’ ruvido alle rotondità sexy, è funzionale al taglio volutamente cinematografico di Jean Van Hamme. Per 23 anni, fino al 2007, e in 19 album, andranno insieme dagli Stati Uniti al Messico passando per l’Irlanda, si concederanno il lusso di un flash-back nella prima metà del XX secolo, uccideranno due presidenti della prima potenza mondiale. Un vero lungometraggio ricco di testosterone, costellato di dubbi esistenziali. A ciò si aggiunge un senso molto sviluppato per la promozione: sotto forma di tredicesimo album, L’inchiesta ritorna su ogni personaggio, lo analizza, lo spiega; e per il diciottesimo volume, Jean Giraud sostituisce Vance per un flash-back cruciale, che fornisce la chiave per comprendere alcune vicende… Altri autori raccoglieranno il testimone a partire dal ventesimo album: Vance si ammala infatti di Parkinson, Van Hamme sceglie di dedicarsi ad altro.

In Italia, XIII ha esordito nel 1990 sul settimanale Lanciostory. Nel 1999 la Panini Comics ha acquistato i diritti della serie e ha iniziato a stamparla in volumi, mentre proseguiva la serializzazione a puntate sul settimanale, conclusasi nel 2008. A partire dalla fine del 2012 l’Editoriale Aurea ha ristampato i primi 20 album in volumi mensili, contenenti ciascuno due episodi. Nel maggio 2015, infine, Mondadori Comics ha iniziato a pubblicare in volume cartonato, con cadenza mensile, le storie della serie principale intrecciate agli episodi di XIII Mystery, serie collaterale che approfondisce il passato dei personaggi più importanti della saga.

[/read]

2018-01-24T11:18:05+00:00luglio 31st, 2017|